Internazionale Lutece Sicilia - Académie Internationale de Lutèce Sicilia
ACCADEMIA INTERNAZIONALE LUTECE SICILIA 
ARTE E HANDMADE
SALETTA LUTECE 13 e 14 DICEMBRE  2014
                                   CATANIA VIA SISTO 40














Il M° Francesco La Rosa ,nel corso della rassegna culturale 
" MADRE, NATUIRA & ARTE " riceve il PREMIO ALLA CARRIERA per meriti artistici culturali
 
Per vederlo, hai bisogno di Flash Player.
FRANCESCO LA ROSA 5 Agosto 2011 Orto Botanico.m4v
FRANCESCO LA ROSA - PREMIO ALLA CARRIERA PER MERITI ARTISTICI CULTURALI

 
 
Il M° Francesco La Rosa inaugura la rassegna culturale 
" MADRE, NATUIRA & ARTE " organizzata dal Prof. Salvo Luzzio, Presidente dell'OmniArtEventi , presso l'Orto Botanico di Catania , venerdì 5 agosto 2011
 
 
 
 
 
 
 
 
ACCADEMIA INTERNAZIONALE LUTECE SICILIA  



CATANIA PALAZZO DELLA CULTURA
SABATO 21 GIUGNO 2014 ORE 18.00
COLLEZIONE ALFIO MILLUZZOCollezione di grafica d’arte contemporanea


L’iniziativa della raccolta ha come obiettivo quello di proporre e far conoscere al pubblico l’eccezionale collezione comprendente grandi maestri con grande valenza artistica.Il progetto della collezione è destinato ai centri culturali o direttori di spazi mussali qualificati.Si avvale della collaborazione di critici d’arte, promuovendo e realizzando attività espositive ed editoriali su tutto il territorio italiano.Pertanto ad essa posso accedere solo persone interessate alla cultura artistica e per lo studio delle varie esperienze incisorie, gli allievi dell’A.A.B.B. che possono osservare e studiate dal vivo le opere di grande valore artistico e culturale.La raccolta, pone inoltre molta perizia tecnica sul restauro, e in particolar modo sul recupero di matrici di immagini votive tratte da antichi rami del ‘700 e dell’800 create dalle sapienti mani di esperti incisori i cui nomi, grazie a lui, riemergono dall’oblio.Lastre corrose dal tempo e dall’uso, sfrecciate e piegate dalla incuria umana, sono state messe in grado di produrre nuovamente ed essere tirate restituendo nuova vita all’immagine antica.Da questo recupero è passato a collezionare più di cento soggetti sacri. Questa raccolta è finalizzata allo studio del bulino e dell’acquaforte.Alfio Milluzzo ha ricevuto un Premio Speciale “UNA VITA PER L’ARTE”, come raffinato incisore e intelligente interprete dell’arte moderna e contemporanea.L’amore per grafica d’arte lo ha condotto alla sua preziosa collezione, che merita, oltre al già ottenuto consenso della critica competente, ad una opportuna collocazione pubblica, preferibilmente mussale di grande rilievo.






“Una vita per l’arte” Alfio Milluzzo è nato a Scordia il 14/08/1950. A Catania studia pittura l’Istituto Statale d’Arte e successivamente (1974) consegue il diploma all’Accademia di Belle Arti di Catania nella sezione Pittura, sviluppando una ricerca sullo sperimentalismo ed il costruttivismo. Dal 1988 insegna tecniche dell’incisione presso la stessa accademia. Soggiorna a Venezia dove tiene diverse mostre personali e collettive. Nell’agosto del 1976 collabora al corso di Tecniche dell’incisione tradizionale e sperimentale, tenuto da Riccardo Licata presso la scuola internazionale di grafica di Venezia. Nel 1980 ritorna a Catania dove vive e lavora nel suo studio, realizzando incisioni d’arte e tirature con il torchio a stella. Dalla sua stamperia, distinsosi sempre per il rigore delle scelte compiute nel corso degli anni e destinate a diventare uno dei centri più importanti per le esperienze incisorie più sofisticate, sono passati i più rappresentativi maestri incisori italiani e stranieri dell’arte contemporanea. Milluzzo per quest’ultima ha sempre manifestato una estrema attenzione come dimostra la sua collezione di STAMPE ORIGINALI D’ARTE.





 

Esposizione delle opere del
pittore architetto 
Benedetto Poma 
con tema  “ Sicilia Barocca ”
presso Hotel Novecento Catania



 
ACCADEMIA INTERNAZIONALE

              LUTECE SICILIA
 
   


  
 MOSTRA D'ARTE  
DI  PILADE MAZZOLA
Fai click per avviare  Link su PILADE MAZZOLA

27 FEBBRAIO 2011 ORE 18.00   HOTEL NOVECENTO CATANIA
 
Pilade Mazzola 
Pittore - Grafico - Scenografo - Costumista -
Corso di studi presso le Accademie di Belle Arti di Roma e di Catania - Corso di Scenografia                                 








ALCUNE NOTE CRITICHE
G.Torre 
...una pittura di alto livello tecnico e di raffinata eleganza, frutto di un'attenta analisi della realtà attraverso l'uso della geometria e di una ricercata cromia...
G.Marin..ad una salda preparazione tecnica fa eco una sensibilità cromatica armonicamente utilizzata in forme geometriche apparentemente realistiche. Costante il riferimento alle avanguardie europee...



M.Grasso 
..quello di Mazzola è un linguaggio chiaro e disancorato dalle ingenuità...la realtà è immortalata in forme geometriche magicamente al proprio posto con campiture luminose e metafisiche...






A.Ragionieri
...l'esuberanza del colore non nasconde la drammaticità ed il pessimismoche ci provengono dalle forme geometriche imbalsamate e prive di vita...
F.Torrisi
...le opere di Mazzola, senza titolo, evidenziano una nitida struttura della realtà con una definizione tonale in chiari volumi che ricordano la lezione di Felice Casorati... 







M.Braccianti
...la tendenza al costruttivismo che Mazzola evidenzia nelle sue opere, dimostra un sentito rigore da parte dell'artista nell'intento di voler sottomettere il reale all'ordine geometrico...non mancano riferimenti al neoplasticismo e all'astrattismo geometrico... 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 

 
 
 
 
 

 












ACCADEMIA INTERNAZIONALE LUTECE SICILIA
 Salotto culturale
Fai click per avviare Blog  : Lea Torrisi    
 dal 11 /07 /2009  al 19 /07 /2009
I ritratti di Lea 
 Lea Torrisi 
 
Hotel Novecento di Catania dal 11 /07 /2009  al 19 /07 /2009
nasce a Catania in Via Etnea, ai piedi del vulcano. Esordisce dodicenne in una mostra collettiva con il maestro Roberto Rimini al Club della Stampa di Catania. Si dedica all’attività di costumista teatrale e all’impegno sociale.
Il Vendicatore, La Lupa, opere dirette da Nando Greco sono vestite delle sue realizzazioni che suscitarono presso il pubblico catanese viva l’impressione favolosa suggerita dai costumi tutti dipinti a mano per l’opera teatrale La bella addormentata. Espone opere caratterizzate da un grande intimismo che esprime una filosofia chiusa ad ogni ricettività: lacerante introspezione, istintività e tecnica personalissima, maturate in acquarelli quasi monocromi. “Notturno” l’opera più emblematica e richiesta del periodo è la rappresentazione di luci nella notte ma pur sempre “al di fuori” di una finestra.
Nella primavera del 1984 incontra a Palermo Jorge Luis Borges ricevendone la conferma che “non c’è altro tempo che l’adesso”. Aderisce al movimento per una pittura “Fantasticoreale” come arte del Mediterraneo. Si dissocia perché anche per lei “la realtà è inafferrabile e perché il linguaggio è un ordine di segni rigidi”, ma le sue opere si arricchiscono di nuove tinte,  all’istintività originaria oppone l’immediatezza, la luce più protagonista, i colori più puri, corposi come tempere si fondono creando suggestioni nuove.
A Trecastagni, il luogo più caro della sua infanzia, apre una Bottega dell’Arte ed espone i suoi ritratti che sembrano affermare: “Cerco la mia faccia nello specchio”, ricordando come nell’eterna polivalenza dell’Io e della dicotomia fra essere ed apparire, si finisce nel riconoscersi sempre in quelli che sembriamo.
Nel 1999 propone le personali “Maschere”, dove l’acquarello rimane la tecnica base arricchito dall’esperienza di inchiostri colorati in un’inesaurita sperimentazione di materia e supporti, che produce una tecnica personalissima ora applicata a motivi di poetica riflessione, ora d’ironico, grottesco sberleffo.
Numerose opere sono state acquistate da collezionisti di Londra, Firenze, Pavia, Parigi, Roma, Palermo, Catania, Taormina. Opere recensite e presentate in catalogo da critici, esperti d’arte, saggisti e da protagonisti della filosofia e della letteratura siciliana.
Alvise Spadaro
 
Alcune note critiche, citazioni e recensioni
 
Michele Di Lorenzo, Lea Greco Torrisi in “V.I.P.” novembre-dicembre 1977 p. 11; in “Fiuggi” a. II n. 3 marzo 1978 pag. 2; in “Rassegna di pittura e scultura” Catania s.d. 1978 pag. 109;
Enza Nicotra, Lea, una pittrice in Antenna Sud” 24.9.78 pag. 17;
(L. Malafarina), Il mondo di Lea in “Dimensione ‘80” a. I n. 7 ottobre 1978 pag. 13; in “Lea” catalogo, Catania 1978 pag. 4;
(Lea Torrisi),D’improvviso!… Il mio autoritratto, Morte di un fiore, Gioco religioso in “Lea” catalogo, Catania 1978 pagg. 6 e 9-16.
G. Veglia Fazio,Dentro l’anima in “Lea” catalogo 1978 pag. 10.
R. Carnevale,La fusione armonica dei colori, in “Catania oggi” 4.11.78 pagg. 40-41;
Lea Greco Torrisi, vernissage in Gazzetta del Sud” 8.11.78 pag. 4.
Enza Nicotra,Nelle tele di Lea fascino e bellezza in “Il Diario” 8.11.78 pag. 6
Luigi G. Malafarina, I colori di Lea Greco Torrisi in “La voce di Calabria” 18.11.78 p. 4.
E. De Domenico, L’impegno pittorico di Lea Greco Torrisi in “Il Corriere di Reggio” 18.11.78 pag. 3; Trofeo Calabria in “Corriere di Reggio” 23.12.78 pag. 7.
Lea Greco Torrisi,Il ruolo della donna … oggi  in “Antenna Sud” 4.2.79 pag. 5;
R. D. M.,Lea Greco Torrisi in “La Nazione” 13.3.79 pag. 6.
Lea Greco Torrisi,Agnone, un cane e il vento in “Zodiaco” Reggio Calabria 1979 p. 58, in “Lea” catalogo, Catania 1978 p. 14;
Luigi Malafarina,Lea Greco Torrisi in Zodiaco Reggio Calabria 1979 pag. 146.
Malafarina /De Domenico, Lea Torrisi Greco in “Arte italiana contemporanea” Firenze 1979 v. IX pagg. 588-590
Lea Greco,Temporale! in “Il Commercio-revue commir” dicembre 1981 pag. 13;
Lea Greco,Il tempo delle mele in “Il Commercio-revue commir” gennnaio-febbbraio 1981 p. 13.
Franco Longo, L’uomo e il cancro Padova 1983 pagg. 9-11 e 365.
Alvise Spadaro,Nella tasca di Puccini in “La Sicilia” 26.2.85 pag. 16.
Filippo Cosentino, TG Sicilia Rai Tre 1985
Sebastiano Addamo, La tensione di Lea Torrisi in “La Bottega dell’Arte” catalogo 1985
Anonimo, Nei quadri di Lea Torrisi la realtà deformata in mostra in “Giornale di Sicilia” 9.5.1999.
D.P.P.Dalle “maschere” alle “trasparenze” Lea Torrisi raddoppia alla “Cartura” col percorso recente su carta lucida in “Giornale di Sicilia” 8.5.1999.
Antenna Sicilia In casa  gennaio 2003
Mercedes Auteri in catalogo mostra “I Giocolieri dell’Essere”. Catania 2007
 
Le poesie di Lea
 
CIAO VERITA’
 
che bell’abito
lussuoso ed esagerato
ti copre ossessivamente.
Ti strappo d’addosso
sei inutile
sulle mie ossa
protette
ricoperte
da morbida pelle infantile.
Mi accarezzo,
rugorosamente
mi rifiuta
la mia coperta naturale,
mi rugo il ricordo
e le lacrime ingiuste,
ostili e…vigliacche
perdonano
faticosamente
la loro ragione
mutilata e pesante.
 
CIAO, CIAO, CIAO
 
chi saluto
cosa saluto
perché saluto
cos’è il saluto…
Ciao, Ciao, Ciao
è dopo o prima
l’addio?
Ciao al sempre
Ciao al prima
Ciao al niente
Ciao a me
mentre sorrido…
incontrandomi.
    
FINTA NOTTE
 
il mare dondola
inosservato…muto…
e le onde restano…
immagini.
Il cielo s’indispone
s’invecchia
s’incurva
si offusca
e si spegne
vigliaccamente.
Inventa una notte improbabile.
Il sole lo mostra
d’improvviso
nella sua vigliacca e inesistente realtà.
E’ tutto confuso…il sogno s’interrompe
e la luna svela
svela l’inganno
sorridendo…pallida.
 L’unica libertà possibile di dire, di pensare, di essere, sta nel dire ciò che si può, nel pensare ciò che si vuole, nell’essere ciò che si è.La mia sola unica vera libertà è la Pittura.   Lea Torrisi  
 ////////////////////////////////////////////////////////
ACCADEMIA INTERNAZIONALE LUTECE SICILIA

Fai click per avviare Blog
 Maria Carmela Benfatto 
  
 
Gli acquerelli di Maria Carmela Benfatto
 
" Leggerezza, calma e serenità. Questi sono gli acquerelli di Maria Carmela Benfatto che con grande delicatezza esprime nelle sue produzioni scorci di natura e paesaggi, regalando a chi le ammira sensazioni di tranquillità ed armonia. Le tonalità cromatiche che caratterizzano le sue opere, evocano stati di quiete e contemplazione che riconducono alla ricerca di equilibrio e stabilità, senza però venir meno al richiamo energetico proprio della natura che qui viene rappresentata e che emana al contempo forza, costanza, perseveranza e tenacia interiore, con una tensione, a volte solo accennata, verso il cambiamento e la ricerca del nuovo".Alessandra Ranieri

 Carmela Benfatto si dedica da sempre alla tecnica dell'acquerello  ed alla ceramica su pietra lavica. Esprime con i colori, la sua naturale predisposizione al sorriso, alla positività, al gusto per la vita e per ciò che offre, a livello di luce e di paesaggi.                              
Questa sua indole solare, si riflette nella sua produzione di acquerelli che vuol essere un inno alla luce ed alla vitalità.
 

 
Storia   dell’  acquerello
LA TECNICA PITTORICA DELL’ACQUARELLO E’ ANTICHISSIMA E SI PERDE NELLA NOTTE DEI TEMPI.
DA SEMPRE, INFATTI, L’UOMO HA TENTATO DI SCIOGLIERE ,IN ACQUA, PIGMENTI  COLORATI  PER  DIPINGERE, GENERALMENTE SU CARTA.
LE  TECNICHE  USATE   DAGLI   ACQUERELLISTI   DI   TUTTI   I  TEMPI, SI  RICONDUCONO  A  TRE:
1)  VELATURE SOVRAPPOSTE, PARTENDO  DAL  COLORE  PIU’  CHIARO.
2) PITTURA “ BAGNATO   SU  BAGNATO”.
3) PITTURA” BAGNATO SU ASCIUTTO”.
 L’ARTISTA CHE USA QUESTA TECNICA DEVE ESSERE MOLTO BRAVO PERCHE’  NON PUO’ APPORTARE MODIFICHE ALLA SUA ESECUZIONE PITTORICA. CIOE’ CH’E’ FATTO  E’  FATTO.
MOLTI  SONO GLI ARTISTI CHE SI SONO AVVALSI DI QUESTA TECNICA ; TRA QUESTI CI PIACE CITARE CANALETTO  E    DE   NITTIS.
      PROF.SSA MARIA CARMELA BENFATTO
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Canaletto
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
De Nittis





VINCENZO MILONE 
mostra fotografica 
Catania  11 - 31 ottobre 2014 Via Sisto 40 




&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&


 ARTE E HANDMADE
SALETTA LUTECE 13 e 14 DICEMBRE  2014
                                   CATANIA VIA SISTO 40
ARTE E HANDMADE
ARTE E HANDMADE
CATANIA SALETTA LUTECE
13 e 14 DICEMBRE 2014
13 e 14 DICEMBRE 2014

















ARTE E ARTIGIANATO ARTISTICO  - 13 e 14 DICEMBRE  2014
CATANIA VIA SISTO 40 
La Mostra vuole promuovere e divulgare le creazioni handmade, l’aspetto artistico, la fantasia e l'eleganza.

Con “ Handmade ” si intende la realizzazione di oggetti ornamentali e d’uso lavorati a mano, che per la loro forma, rifinitura e decorazione, acquistano valore artistico.
L'handmade si basa sull’unicità e sulla forte personalizzazione e rappresenta l'alternativa alla serialità che quotidianamente subiamo.
Info: Prof. Lucia La Rosa - Tel.3388643280 - 334 336 7777 


 
 
Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint